Home | Sport | Volley | La guida a Consar Ravenna-Itas Trentino di domenica

La guida a Consar Ravenna-Itas Trentino di domenica

Al via la stagione 2019/20, domani alle ore 18 la prima giornata di Superlega al Pala De André di Ravenna

image

Il serbo Srecko Lisinac al servizio – Foto di Marco Trabalza.
 
Scatta ufficialmente domenica 20 ottobre al Pala De André di Ravenna la ventesima stagione di attività di Trentino Volley.
La Società Campione del Mondo in carica inaugurerà la sua SuperLega Credem Banca 2019/20 affrontando in trasferta la Consar Ravenna nel match valido per il primo turno di regular season.
Fischio d’inizio previsto per le ore 18: cronaca diretta su Radio Dolomiti e live streaming su Lega Volley Channel all’indirizzo www.elevensports.it.

 QUI ITAS TRENTINO 
Dopo una preparazione pre-campionato lunghissima, durata sessanta giorni (la maggior parte dei quali trascorsi a ranghi ridotti), i gialloblù sono pronti ad iniziare il proprio cammino, ripartendo da una rosa che ha modificato solo tre tredicesimi dei suoi effettivi e che ha rinforzato esclusivamente la batteria di attaccanti di palla alta.
Angelo Lorenzetti ha potuto svolgere solo un allenamento, quello nel pomeriggio di oggi alla palestra Sanbapolis di Trento, col gruppo al completo, considerato che Candellaro e Russell sono rientrati dal Giappone solo da pochi giorni e nella giornata di venerdì hanno lavorato esclusivamente in sala pesi.
 
«Anche per questo motivo la partita inaugurale della nostra stagione è da prendere con le molle, – ha dichiarato alla vigilia l’allenatore di Trentino Volley. – Abbiamo lavorato poco insieme e non abbiamo molti dati rispetto al modo in cui potrà giocare Ravenna.
«Servirà quindi un atteggiamento molto concentrato e idoneo a un appuntamento del genere, che ci vedrà giocare in un palazzetto tradizionalmente difficile da espugnare.
«La Consar aveva iniziato bene anche lo scorso campionato, sorprendendo Milano; vogliamo evitare che vada di nuovo così. Dobbiamo essere pronti tecnicamente e mentalmente.»
 
Nella sua ormai ventennale storia, al Club di via Trener è successo raramente di disputare la gara valevole per la prima giornata di regular season lontano da Trento, come invece accadrà domenica: quella di Ravenna sarà infatti solo la settima volta su venti occasioni.
Il bilancio, fra l’altro, è negativo, tenendo conto che solo in due circostanze è arrivato il successo: proprio a Ravenna il 27 ottobre 2013 (0-3) e a Monza il 28 ottobre 2015 per 3-1.
Più in generale, il debutto in campionato ha regalato un sorriso a Trentino Volley in undici occasioni su diciannove: oltre alle due vittorie esterne già menzionate, vanno infatti aggiunte anche nove affermazioni casalinghe: stagione 2002/03 (3-1 su Milano), 2008/09 (affermazione in tre set su Forlì), 2009/10 (3-1 su Latina), 2010/11 (vittoria per 3-0 su Castellana Grotte), 2011/12 (vittoria per 3-0 su Monza), 2013/14 (successo al quinto con Latina), 2014/15 (3-0 su Padova), 2016/17 (3-0 su Vibo) e 2018/19 (3-0 su Siena).
Trentino Volley scenderà in campo in questa occasione per la 815a partita ufficiale di sempre e andrà a caccia della 570a vittoria assoluta: attualmente ne conta 298 in casa e 271 in trasferta.
 
 ESORDIO A RAVENNA COME NEL 2013/14 
L’esordio in campionato al Pala De Andrè di Ravenna non rappresenta una novità per Trentino Volley: in passato, già nella stagione 2013/14 è capitato che la squadra gialloblù debuttasse in Romagna.
In quel caso (27 ottobre 2013) si trattò del match programmato per la seconda giornata di regular season ma segnò l’effettivo esordio nel torneo di Trento che, per impegni relativi al Mondiale per Club, aveva posticipato il primo turno in casa con Latina.
Il ricordo è particolarmente piacevole perché l’allora Diatec Trentino vinse per 3-0, facendo debuttare in prima squadra il diciassettenne Simone Giannelli.
Nelle file avversarie giocava invece Klemen Cebulj, ora schiacciatore dell’Itas Trentino.
 
 GLI AVVERSARI 
Dopo la scorsa positiva stagione nel segno della linea verde, la Consar Ravenna prosegue il suo progetto riportando in panchina Marco Bonitta, che negli ultimi anni aveva ricoperto all’interno della Società romagnola un ruolo dirigenziale di primo piano, senza però venir meno alla propria idea giovane nella costruzione della squadra, completamente rivoluzionata rispetto al recente passato.
Partiti i giocatori del calibro di Rychlicki, Russo, Goi, Poglajen, Raffaelli e Verhees, si è deciso di puntare sulle potenzialità dell’opposto canadese Vernon-Evans e su italiani di prospettiva, come Recine e i due gialloblù Cortesia e Cavuto, prodotti del settore giovanile di Trentino Volley.
Proprio Oreste, domenica alla prima partita in SuperLega da avversario del Club in cui è cresciuto, contenderà verosimilmente al compagno di nazionale Lavia un posto nel sestetto titolare, in cui potrebbe trovare spazio l’olandese Ter Horst (ex Verona e Piacenza).
Fra i tanti giocatori nuovi, si segnala anche il libero sloveno Kovacic (argento al recente Europeo assieme a Cebulj, che è un ex), mentre in regia dalla scorsa stagione il punto fermo è Davide Saitta (uno dei pochissimi confermati).
 
 I PRECEDENTI 
Quello di domenica sarà il diciassettesimo confronto assoluto fra le due Società, che hanno iniziato a sfidarsi con continuità a partire dalla stagione 2011/12.
Il bilancio è nettamente favorevole ai gialloblù per 14-2, ma i successi dei romagnoli sono piuttosto recenti: il 25 ottobre 2017 per 3-0 al Pala De André nel penultimo match giocato a Ravenna (l’ultimo è stato invece vinto da Trento per 3-1 il 9 dicembre 2018) e il 3 febbraio 2016 al tie break alla BLM Group Arena.
In tutti gli altri casi sono arrivati solo successi per Trento: per 3-1 (tre sole volte, compresa la più recente a Trento il 7 gennaio scorso) e per 3-0 (undici, compreso il 3-0 del 10 marzo scorso a Trento).
Trentino Volley ha origini ravennate: nel maggio del 2000 il Presidente Diego Mosna acquistò i diritti di Serie A1 proprio dalla Valleverde Porto, già vincitrice di uno scudetto e tre Coppe Campioni negli anni novanta.
 
 GLI ARBITRI 
L’incontro sarà diretto dalla coppia composta da Simone Santi (primo arbitro di Città di Castello, Perugia - in Serie A dal 1994 ed internazionale Fivb dal 2011) e Massimo Florian (di Treviso, in massima categoria dal 2007).
L’ultimo precedente con Trentino Volley per Santi risale a gara 2 di semifinale Play Off Scudetto 2019 (sconfitta per 1-3 a Civitanova Marche il 19 aprile), mentre per Florian corrisponde al 3-1 ottenuto a Padova il 24 novembre (partita di campionato).
 
 RADIO, INTERNET E TV 
La gara sarà raccontata in cronaca diretta ed integrale da Radio Dolomiti, per l’undicesima stagione consecutiva network partner di Trentino Volley.
I collegamenti con la Romagna saranno effettuati all’interno di «Dolomiti Sport Show», il nuovo contenitore sportivo dell’emittente di via Missioni Africane. Le frequenze per ascoltare il network regionale sono consultabili sul sito www.radiodolomiti.com, dove sarà inoltre possibile ascoltare la radiocronaca live in streaming.
Prevista anche la diretta in streaming video sullo spazio web «Lega Volley Channel», all’indirizzo internet www.elevensports.it (servizio a pagamento).
In tv la differita integrale della gara andrà in onda in prima serata già lunedì 21 ottobre alle ore 21.30 su RTTR, tv partner della Società di via Trener, ed in replica a mezzanotte dello stesso giorno.
Su internet, infine, gli aggiornamenti punto a punto saranno curati dal sito della Lega Pallavolo Serie A (www.legavolley.it) e dallo stesso www.trentinovolley.it e saranno sempre attivi sui Social Network gialloblù (www.trentinovolley.it/facebook e www.trentinovolley.it/twitter).

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni