Home | Sport | Volley | Serie A3, Cuneo si tiene stretto il fattore campo

Serie A3, Cuneo si tiene stretto il fattore campo

L’UniTrento Volley cede il passo a BAM Acqua S. Bernardo Cuneo in quattro set

image

>
L’UniTrento dovrà rimandare di almeno sei giorni il primo successo nel 2020 e nel girone di ritorno di Serie A3 Credem Banca girone Bianco.
Dopo l’1-3 casalingo del 4 gennaio contro Prata di Pordenone, questa sera l’Under 21 di Trentino Volley ha infatti dovuto fare i conti con un identico risultato a Cuneo.
I padroni della BAM Acqua San Bernardo si sono imposti in quattro set al termine di un match molto combattuto, valevole per il tredicesimo turno giocato stasera in Piemonte.

Un risultato che, arrivato in corrispondenza con le vittorie di Porto Viro, Motta di Livenza, Civitanova e Cisano, ha fatto scivolare i bianco bordeaux dal primo al quarto posto, da condividere proprio con i veneti dell’HRK.
Non sono bastate le solite grandi prestazioni di Alessandro Michieletto, autore di 29 punti personali, ed Alessandro Acuti (15) per riportare a Trento almeno un punto, che gli universitari avrebbero pienamente meritato.


 
 La cronaca del match 
Per il secondo impegno del nuovo anno l’allenatore Francesco Conci non recupera Magalini e conferma quindi la squadra vista a Sanbapolis otto giorni prima contro Prata: diagonale Poggio-Pizzini, Coser e Acuti al centro, Pol e Michieletto in banda e libero Lambrini.
Entrambi i sestetti in avvio non sono precisi al servizio, ma Cuneo subisce subito un brutto colpo: l'opposto tedesco Prolingheuer dopo pochi scambi alza bandiera bianca per un sospetto problema muscolare.
Serniotti inserisce al suo posto Beghelli ma la squadra di casa patisce l'assenza del martello principale e dopo tre errori consecutivi il coach torinese sull’11-7 è costretto a chiamare il primo time out.
Tanti errori da entrambi i lati della rete fanno sì che gli universitari mantengano il vantaggio fino al 22-18, poi due punti in fila di Sighinolfi danno il via alla rimonta piemontese, che si concretizza sul 23-23.
Trento non perde la calma, si affida a Poggio e Michieletto e al quarto set point un muro dello stesso numero cinque porta i bianco bordeaux in vantaggio (28-26).
 
Le prime fasi del secondo parziale ricordano quello precedente e ci vogliono due muri, uno di Michieletto e uno di Acuti, per dare il primo break all’UniTrento Volley (12-9). Casoli non ci sta e quasi da solo pareggia i conti (13-13), mentre successivamente Galaverna manda avanti i suoi (14-15).
Trento reagisce ma il parziale di 0-6 di Cuneo non lascia scampo e ristabilisce la parità (23-25), nonostante il tentativo di rimonta sul servizio di Coser.
Grande equilibrio anche nel terzo parziale, con le due squadre che si alternano al comando del punteggio. Cuneo va avanti 6-8, i bianco bordeaux si mantengono in partita e il turno in battuta di Michieletto consegna il primo vantaggio ai suoi (16-15).
La frazione rimane sempre in bilico e giocata punto a punto da entrambe le squadre che non riescono a scappare via, ma sul 22-22 Cuneo è più lucida e si porta sul 2-1 interno (23-25).
 
I piemontesi provano ad imporre subito la loro legge nel quarto set (0-4 e 4-8) ma i ragazzi allenati da Conci recuperano e si portano addirittura in vantaggio (11-10).
Ancora una volta l'equilibrio regna sovrano e nuovamente Cuneo trova lo spunto decisivo nel finale, quando vola sul 21-24; il secondo tentativo è quello che vale il 22-25 e i tre punti per la classifica.
 

 
 Il commento a caldo 
«Le assenze ci hanno tolto qualche alternativa in attacco, ma non voglio cercare scuse, – ha commentato al termine del match l’allenatore dell’UniTrento Volley Francesco Conci. – Stasera è mancata un po' di convinzione nelle fasi decisive di ogni set.
«Questo ha fatto sì che, invece di accelerare e allungare nel punteggio, tenessimo sempre in partita gli avversari, che nel finale ne hanno approfittato.
«Peccato perché avevamo le carte in regola per tornare a fare punti e invece rientreremo a Trento a mani vuote.
«La nostra filosofia comunque non cambia: non guardiamo la classifica ma alla prestazione; stasera non avevamo quell'entusiasmo e quella determinazione che poi fanno girare a tuo favore le partite e che ti permette di divertirti a prescindere dal risultato finale.
«Dobbiamo assolutamente porvi rimedio perché i risultati che abbiamo sin qui ottenuto sono arrivati con un altro tipo di atteggiamento rispetto a quello visto stasera.»
 
Per l’UniTrento Volley il prossimo appuntamento è in programma sabato 18 gennaio per la partita casalinga alla palestra di Sanbapolis (ore 20.30) che la vedrà opposta al Cisano Bergamasco nel quattordicesimo turno di regular season.
 
 Il tabellino 
BAM Acqua S. Bernardo Cuneo-UniTrento Volley 3-1
(26-28, 25-23, 25-23, 25-22)
 
BAM ACQUA S.BERNARDO CUNEO: Focosi 6, Cortellazzi 2, Galaverna 21, Sighinolfi 10, Prolingheuer 1, Casoli 17, Prandi (L); Chiapello, Beghelli 7, Picco 2, Testa. N.e. Paris, D'Amato, Armando (L). All. Roberto Serniotti.
UNITRENTO VOLLEY: Coser 2, Pizzini, Michieletto 29, Acuti 15, Poggio 11, Pol 4, Lambrini (L); Dietre, Simoni, Bonatesta 8. N.e. De Giorgio, Zanlucchi, Mussari, Magalini (L). All. Francesco Conci.
ARBITRI: Marotta di Prato e Fontini di Aprilia (Latina).
DURATA SET: 31', 30', 29', 30'; tot. 2h'.
NOTE: BAM Acqua S. Bernardo Cuneo: 6 muri, 3 ace, 12 errori in battuta, 13 errori azione, 45% in attacco, 64% (40%) in ricezione. UniTrento: 9 muri, 2 ace, 20 errori in battuta, 13 errori azione, 45% in attacco, 70% (39%) in ricezione.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni