Home | Sport | Volley | Delta informatica, Melli: «C'è tanta voglia di tornare in palestra»

Delta informatica, Melli: «C'è tanta voglia di tornare in palestra»

«Ma la salute viene prima di tutto» – Passato, presente e futuro nelle parole della laterale della Delta Informatica Trentino

image

Foto Alessio Marchi - Trentino Rosa.
 
Essere una persona solare è sempre stato nel dna di Giulia Melli e, anche in un periodo difficile come quello che sta attraversando in queste settimana l'Italia, la schiacciatrice della Delta Informatica Trentino non ha perso il sorriso e l'ottimismo, nonostante la voglia di tornare in palestra sia davvero forte.
«In un momento come questo la salute viene prima di tutto, – spiega Giulia. – Ci è stato giustamente chiesto di stravolgere per un periodo le nostre abitudini quotidiane, ne va della salute di tutti e quindi è molto importante osservare tutte le indicazioni che ci sono arrivate dagli organi competenti.
«Anche a noi atlete, abituate a passare quotidianamente minimo sei ore in palestra, il dover stare a casa ci ha spaventato. Il mio desiderio è quello di tornare in palestra e per far sì che questo accada il prima possibile oggi dobbiamo fare questi sacrifici.»
 

 
La società ha scelto da alcune settimane di fermare completamente l'attività di gruppo in palestra; le atlete seguono un programma personale realizzato dal preparatore atletico Paolo Santorum.
«Io dedico due sedute giornaliere a stretching, mobilità articolare e addominali, – prosegue la Melli. –  Altrimenti guardo film o mi diverto a cucinare, cercando sempre di non esagerare con le calorie.»
Uno sguardo al futuro.
«A livello nazionale si inizia a intravedere qualche piccolo segnale di miglioramento, che conferma che la strada intrapresa è probabilmente quella giusta ma servirà ancora molta pazienza.
«Non bisogna avere fretta perché la salute delle persone viene prima di qualunque altra decisione. Ho amiche in giro per tutta Europa e la situazione è difficilissima ovunque, tanto che in numerosi paesi è già stata annunciata la conclusione anticipata dei campionati.»
 

 
E in Italia che accadrà?
«Vediamo cosa deciderà la Lega Pallavolo Femminile, sicuramente la decisione che verrà presa non cancellerà il cammino straordinario che abbiamo compiuto: perdere una sola partita delle ventiquattro giocate è qualcosa di unico.
Il gruppo è coeso e forte e lo è anche tutt'ora in questa situazione non facile: ci teniamo compagnia a distanza con videochiamate o scherzi.
Non è mai facile giocare con i favori del pronostico perché le aspettative su di te sono alte, quindi si ha sempre una grandissima pressione addosso: anche per questo motivo abbiamo dimostrato di avere una grande forza mentale, oltre che tecnica e fisica.
La speranza, tuttavia, è quella di poter tornare il prima possibile in campo per concludere la stagione, per due motivi: innanzitutto perché significherebbe che il peggio è finalmente alle spalle, poi perché abbiamo un forte desiderio di raggiungere sul campo l'obiettivo che ci eravamo prefissati ad inizio stagione»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni