Home | Esteri | Libia | Notizie sulla Libia | La svolta tunisina: affondare nella sabbia. – Di Antonio De Felice

La svolta tunisina: affondare nella sabbia. – Di Antonio De Felice

Un cartello diceva Game Over, ma in realtà il gioco è appena iniziato Gli scenari che si aprono dopo la fuga di Ben Alì

Le nazioni sunnite tremano all'idea che la «rivolta dei gelsomini», trasformatasi ormai in una rivoluzione tout-court possa dilagare a macchia d'olio e investire i regimi a guida autocratica del Nordafrica.
E soprattutto dell'Egitto, dato che per le vie de Il Cairo gli egiziani già inneggiano a «Kefaya», nickname del principale movimento per il cambiamento in Egitto, cantando «We are next, we are next, Ben Ali tell Mubarak he is next».

Se Ben Alì è caduto così in fretta, quanto sarà in grado di resistere il regime dell'85enne malato Hosni Mubarak?
La caduta dell'Egitto non solo sarebbe una disfatta per l'intero Medio Oriente sunnita aprendo di fatto una stagione profonda di instabilità e incertezza politica nell'area, ma consegnerebbe nelle mani dell'Iran sciita, dopo le città sante di Kerbala e Najaf, anche il controllo della Università Coranica Al-Azhar, il più antico istituto accademico religioso del mondo islamico.

È questo il vero rischio di cui la politica americana e l'intelligence occidentale devono preoccuparsi.
Caduto l'Egitto di Mubarak, di fatto verrebbe dato il via libera alle pulsioni integraliste dei «fratelli musulmani» (peraltro già presenti nel parlamento egiziano con una rappresentanza pari al 20% dei seggi disponibili) e alle azioni terroristiche delle falangi «qaediste» già attive nel sud del Paese soprattutto nelle aree di confine con lo Yemen.

Non va dimenticato che se lo sceicco Osama Bin Laden è saudita, il numero due di al-Qaeda Ayman al-Zawahiri è egiziano.
Peraltro il dato percentuale ottenuto nonostante le forti limitazioni avute durante l'ultima campagna elettorale, fa pensare che la sconfitta del faraone porterebbe di fatto ad una rapida ascesa politica del movimento e una conseguente spaccatura del Paese.

Uno dei peggiori incubi forieri solo della inevitabile chiusura dello stretto di Suez e alla paralisi dei commerci e dell'economie dell'occidente.
Non solo. Tolto di mezzo l'Egitto, non rimarrebbe che l'Arabia Saudita, unico attore mediorientale in grado di contrapporsi all'egemonia iraniana nell'area, sul quale però già da qualche tempo corrono voci di una forte diminuzione della sua capacità estrattiva e dell'effettivo valore delle sue riserve.

Voci che, se confermate, passerebbero di mano il testimone della leadership petrolifera mondiale, obbligando l'Occidente, che sta attraversando la peggiore delle crisi economiche degli ultimi 100 anni, a trattare direttamente con Teheran il prezzo del barile.

Antonio De Felice
(Esperto di politica medio orientale e di aree di crisi internazionale)

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni