Home | Interno | Politica | Simone Marchiori avverte: «Il PATT non farà da stampella»

Simone Marchiori avverte: «Il PATT non farà da stampella»

Si conferma però un raro esempio di ossimoro politico, dove l’opposizione sta in giunta regionale con la maggioranza

Mercoledì scorso avevamo dato notizia della nomina ad assessore regionale di Lorenzo Ossanna, consigliere del PATT, che entrava in giunta in sostituzione del consigliere CIA, passato a Fratelli d’Italia.
Si è trattato di una nomina piuttosto singolare, dato che il PATT non fa parte della maggioranza e che allo scadere di metà legislatura, Ossanna si troverà a far parte della giunta regionale guidata da Maurizio Fugatti.
Nel sottolinearlo, mercoledì scorso  avevamo riportato il commento di Ugo Rossi – che a sua volta ha lasciato il PATT per aderire alla formazione politica Agire di Calenda – il quale aveva evidenziato che di fatto il PATT passava dall’opposizione alla maggioranza. (Vedi)
 
Oggi però il segretario del PATT Marchiori bolla come «fantasiose e infondate le congetture giornalistiche apparse su un quotidiano locale».
Non si riferiva a noi, dato che l’Adigetto.it riportava il pensiero di Rossi e non il proprio.
Ma resta indubbiamente evidente che si tratta di una situazione davvero singolare. Come si fa a restare all’opposizione ed entrare in giunta di maggioranza?
«Come Patt – si giustifica Marchiori – abbiamo voluto entrare in Giunta regionale, dove costituivamo già uno dei partiti della maggioranza, per rinsaldare i rapporti con Bolzano e la SVP. Tuttavia deve essere chiaro a tutti che tale decisione non è stata in alcun modo un avvicinamento alla maggioranza provinciale.»

«Il Patt non è sul mercato a disposizione del miglior offerente, – chiarisce il segretario Simone Marchiori. – Abbiamo ribadito più volte che la nostra è un’opposizione seria e costruttiva, basata sui temi e lontana dalle ideologie. Ma opposizione rimane. E questa è la posizione di tutto il partito.»
Più chiara e costruttiva di così… L’opposizione è addirittura entrata in giunta!
Siamo dunque di fronte a un raro esempio di ossimoro politico, dove l’opposizione sta in giunta con la maggioranza. Chapeau!

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni