Home | Interno | Politica | Processo Ruby: Berlusconi condannato a sette anni

Processo Ruby: Berlusconi condannato a sette anni

Noi non siamo PDL, ma francamente ci sembra una sentenza abnorme

image

Le tre donne magistrato sono rimaste in camera di consiglio dalle 9.45 alle 17.45, per poi leggere la sentenza in tre minuti.
«Visti gli articoli 521 comma 1, 533 e 535 del Codice di Procedura Penale, dichiaro Silvio Berlusconi colpevole dei reati a lui ascritti, qualificato il fatto di cui al capo A dell'imputazione come concussione per costrizione e, ritenuta la continuazione, lo condanna alla pena di sette anni di reclusione oltre al pagamento delle spese processuali.»
Questo il testo della sentenza, al quale segue la lettura delle pene accessorie, tra le quali l'interdizione perpetua ai pubblici uffici.
L’art. 521 CPP è quello che permette al giudice di pronunciarsi diversamente da quanto chiesto dall’accusa, e difatti ha comminato un anno in più di quanto chiesto dalla Boccassini.
L'articolo 533 è quello che condanna l’imputato a una certa pena, mentre il 535 è quello che lo condanna al pagamento delle spese processuali.
 
Francamente ci sembrava fuori di testa la richiesta formulata dalla pubblica accusa, il procuratore Ilda Boccassini, che a nostro parere era arrivata a chiedere i sei anni per raggiungere la soglia dell’interdizione a vita del leader PDL.
Ma la realtà ha superato la fantasia, perché il collegio giudicante ha rincarato la dose, aggiungendo la «costrizione e la continuazione».
Noi non siamo PDL, ma una sentenza come questa ci fa pensare seriamente che la tesi del complotto giudiziario sia realistico, in quanto non siamo riusciti a trovare la benché prova né documentale né testimoniale né indiziaria di quanto ascritto all’imputato.
L'aspetto politico della vicenda giudiziaria è dimostrato secondo noi non solo dai salti di gioia fatti dagli oppositori di Berlusconi non appena udita la sentenza, ma anche dal fatto che adesso i magistrati dovranno inquisire i testimoni e la vittima per falsa testimonianza, non si sa su che base.
 
Foto Wikipedia.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (2 inviato)

avatar
fernando 15/07/2013
luca è giovane, non ricorda che l'indirizzo dove le br detenevano Moro fu rivelato a Prodi durante una seduta spiritica, che non fu analizzata dal parlamento, purtroppo per Moro, diciamo che al mondo non gliene frega nulla delle palle goderecce di berluscao, poi che la sentenza sia abnorme posso solo condividere appieno, parlar male di berlusca è diventato uno sport nazionale, sarebbe meglio essere certi delle pene che vengono inflitte, l'abnormità è fattore negativo, sempre e comunque
Thumbs Up Thumbs Down
0
avatar
Luca Giacomoni 24/06/2013
Sentenza abnorme?
E la figura che ha fatto l'Italia intera quando è stato "costretto" il Parlamento a votare (e approvare, SIC!) l'immensa bugia che Berlusconi era convinto fosse la nipote di Mubarak? Oppure le telefonate per assicurarsi che la minorenne fosse affidata ad una millantata "Incaricata Ministeriale"?
Credo sia ora che tutti noi riscopriamo di avere un minimo di dignità, grazie
Thumbs Up Thumbs Down
0
totale: 2 | visualizzati: 1 - 2

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni