Home | Interno | Metroland | Approvato Collegamento S. Martino di Castrozza - Passo Rolle

Approvato Collegamento S. Martino di Castrozza - Passo Rolle

Inizia ora l'iter di concertazione con le realtà territoriali coinvolte, che porterà la proposta al documento definitivo

Su proposta del vice presidente Alberto Pacher, la Giunta provinciale ha approvato la proposta di Piano stralcio per il collegamento S. Martino di Castrozza - Passo Rolle.

Inizia ora l'iter di confronto con le realtà territoriali coinvolte, Comuni, Comunità, Parchi e privati cittadini, che porterà all'approvazione della versione definitiva del documento.
L'approvazione della proposta di piano dà infatti avvio alla fase di pubblicità e «concertazione» prevista dalla disciplina vigente.

Le infrastrutture proposte sono pensate per rispondere a esigenze di mobilità alternativa e sostenibile per la zona interessata e per questo motivo l'onere dell'intervento è a carico del bilancio provinciale.
Nel periodo invernale le opere proposte nel progetto permetteranno di soddisfare anche finalità sciistiche.

La necessità di individuare un sistema di mobilità alternativa valido sia per il periodo invernale che per quello estivo ha portato a individuare la funicolare come tecnologia da utilizzare.
La funicolare è una modalità di trasporto terrestre a guida vincolata, appartenente alla categoria del trasporto a fune.

Il sistema è caratterizzato dall'utilizzo di una fune come organo di trazione e il movimento su una, o più vie di corsa, costituite da classici binari oppure da speciali guide.

La zona di partenza a valle è stata prevista dal progetto nell'area posta a nord ovest dell'abitato di San Martino di Castrozza, nell'area pianeggiante determinata dallo sbocco della valle formata dal rio Brentela, vicino al parcheggio esistente, presso la sciovia «Nasse» sulla strada comunale che congiunge San Martino a malga Ces.
Questa localizzazione consente un accesso adeguato anche dal centro di San Martino di Castrozza.

Il tracciato proposto si sviluppa parallelamente al Cismon, alternando tratti in galleria (dove le visuali sarebbero rimaste precluse dalla presenza della vegetazione o nei punti in cui le caratteristiche morfologiche e ambientali determinano problemi relativamente al passaggio in superficie dell'impianto), a tratti all'aperto.

Lo sviluppo complessivo è di circa 3.800 m, di cui poco meno di 2.400 in galleria e i rimanenti 1.400 all'aperto. Il dislivello coperto è di circa 500 m.
Per la stazione di monte è stata scelta l'area ad ovest di Passo Rolle, nei pressi degli impianti di risalita e del parcheggio a servizio degli alberghi.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni