Home | Interno | Salute | Inquinamento ambientale e salute, le sentinelle dell’ambiente

Inquinamento ambientale e salute, le sentinelle dell’ambiente

«L'inquinamento elettromagnetico in realtà è pericoloso quanto quello chimico»

Un tipo di inquinamento tenuto in scarsa considerazione è quello elettromagnetico, in realtà pericoloso quanto quello chimico. Infatti, il 31 maggio 2011, i campi elettromagnetici in alta frequenza generati dalla tecnologia Wireless (come prima di loro quelli in bassa frequenza generati dalle linee elettriche) sono stati inseriti dall’OMS fra i cancerogeni di classe 2B al pari di piombo; agenti chemioterapici come bleomicina, dacarbazina, daunorubicina, mitoxantrone, mitomicina C; melamina; cobalto e composti del cobalto; bitumi (diversi tipi); scarichi del motore; oli combustibili; erbicidi clorofenossiderivati; benzofluorantrene; dibenzopirene; furano; PFAS (sostanze perfluoro alchiliche) per citarne alcuni.
Qualche giorno fa, tra l’altro, la Corte di Appello di Torino ha confermato la sentenza di primo grado del Tribunale di Ivrea dell’aprile 2017, che aveva stabilito la presenza di un «nesso di causalità» tra l'utilizzo dei telefoni cellulari e un tipo di tumore, dando forza alle affermazioni di molti scienziati secondo le quali le emissioni della tecnologia Wireless sarebbero da collocare in una classe di cancerogenicità più elevata.
 
Ma l’inquinamento elettromagnetico e chimico hanno causato anche la genesi di due malattie ambientali estremamente invalidanti finora ignorate, la EHS (Ipersensibilità ai Campi Elettromagnetici) e la MCS (Sensibilità Chimica Multipla), rappresentate simbolicamente nella foto, che stanno colpendo sempre più individui in tutto il pianeta.
Esistono diverse forme di gravità, e le forme più gravi, sempre più numerose, costringono ad una continua lotta per la sopravvivenza in condizioni di vita terribili e degradanti, determinate dalla necessità di evitare totalmente ogni possibile esposizione in un ambiente sempre più inquinato.
Gli affetti manifestano infatti reazioni avverse anche molto violente quando sono esposti ai campi elettromagnetici (soprattutto quelli in alta frequenza a radiofrequenza/microonde) e/o alle sostanze chimiche, ormai onnipresenti.
 
Questi soggetti sono delle sentinelle. Il loro background genetico ed espositivo li ha portati a reagire all’esposizione agli agenti fisici (inquinamento elettromagnetico) e chimici (inquinamento chimico) in maniera specifica sotto forma di ipersensibilità, che causa una reazione immuno-tossica sistemica e soprattutto dolore molto intenso in seguito all’esposizione, segnalando l’esistenza di un problema che in realtà riguarda tutti.
Infatti, anche chi non sviluppa una ipersensibilità, subisce danni e si ammala. Si tratta però di malattie non chiaramente riconducibili all’inquinamento, che non provocano infiammazione e dolore quando si permane vicino a fonti elettromagnetiche o si viene esposti a sostanze chimiche, e proprio la mancanza di questo campanello di allarme non consente la identificazione della causa scatenante.
 
Ma il problema di chi sviluppa una ipersensibilità, è che si trova costretto a mettere in atto delle manovre di evitamento importanti, complesse e definitive, che lo costringono nei casi più gravi ad uno stato di prigionia totale e ad ogni sorta di privazione.
Infatti l’inquinamento elettromagnetico, ancor più di quello chimico, è estremamente pervasivo, passa attraverso le pareti ed è prodotto da una infinità di fonti circostanti l’ambiente di vita del malato.
Quindi c’è chi si trova ad abbandonare la propria abitazione, inquinata dalle emissioni di strumenti wireless utilizzati dai vicini di casa e di altre fonti nelle vicinanze (vd. ripetitori di telefonia mobile e radiotelevisivi), o dalle sostanze chimiche provenienti dall’esterno (bucato steso dai vicini di casa trattato con prodotti profumati, prodotti per la pulizia profumati utilizzati negli spazi comuni, smog dalla strada, ecc.). Qualcuno è finito a dormire in macchina, in inverno.
C’è chi in alternativa deve affrontare spese notevoli per la schermatura delle emissioni wireless prodotte da terzi.
 
Strenua è la battaglia per evitare che vengano installati contatori wireless in sostituzione di quelli di vecchia generazione (secondo un obbligo di legge che non tiene conto di una grave malattia come la Ipersensibilità ai Campi Elettromagnetici), nel continuo timore di rimanere senza servizi essenziali come quelli delle forniture di acqua, corrente elettrica e gas, subendo tra l’altro gli effetti negativi delle emissioni dei contatori installati nelle abitazioni limitrofe.
Qualcuno è rimasto senza gas, al freddo.
Molti non possono più lavorare, perché gli ambienti di lavoro hanno livelli di inquinamento elettromagnetico e chimico al di sopra della loro soglia di tolleranza.
Molti non hanno accesso alle cure, in quanto ospedali e luoghi di assistenza, a causa dei livelli di inquinamento in essi presenti, mettono a repentaglio la loro sopravvivenza. Qualcuno si è trovato ad affrontare da solo emergenze mediche anche importanti.
 
Nei casi più estremi i malati devono vivere in isolamento forzato in ambienti di dimensioni molto ridotte (ad esempio 4 metri quadrati), poiché le schermature hanno costi notevoli e i malati non hanno le risorse economiche per schermare ambienti più grandi.
Devono rinunciare allo studio, agli affetti, alla creazione di una famiglia propria.
Devono rinunciare alla libertà e al diritto all’autodeterminazione.
Diventano totalmente dipendenti dall’assistenza della loro famiglia, se ne hanno una, e sono interamente a carico di questa, che deve peraltro affrontare spese ingenti anche per le terapie necessarie a trattare le malattie e gli effetti delle esposizioni imposte da terzi.
Inutile dire che queste condizioni di vita violano numerosi diritti umani.
 
La Associazione Obiettivo Sensibile Onlus, su base giornaliera, riceve richieste di aiuto da persone che improvvisamente iniziano a sentire dolori violenti o ad avere problemi di salute importanti (vd. tabelle dei segni e sintomi di EHS e MCS) in vicinanza di dispositivi wireless (cellulari, cordless, router wifi, smart watch, ecc.) anche utilizzati da terzi a media-lunga distanza, o quando esposti alle sostanze chimiche contenute in profumi, detergenti, detersivi, prodotti per la cura del corpo, ecc., o presenti negli ambienti di vita.
A giudicare dall’aumento esponenziale dei casi, in molti sono a rischio di sviluppare una ipersensibilità di questo tipo, ed informarsi può fare una grande differenza.
 
Per questo l’Associazione si batte al fine di ottenere tutele per la popolazione, ma soprattutto per chi ha già sviluppato una forma di invalidità più o meno grave in conseguenza dei danni da inquinamento elettromagnetico e chimico.
Occorre una politica mirata che garantisca pari diritti e opportunità a chi è costretto ad evitare l’esposizione a questi tipi di inquinamento.
Servono protezione e tutele nell’ambiente di vita e di lavoro, attraverso la creazione di zone elettrosmog e chemical free, che diano la possibilità ai malati di vivere dignitosamente all’interno della propria abitazione, di lavorare, di vivere liberamente la propria vita integrati nella società, e di ricevere assistenza sanitaria, al pari degli altri cittadini.
 
L’Associazione ha stilato un documento che propone una serie di accorgimenti da adottare per garantire a questi malati l’accesso alle cure - che sono un diritto fondamentale per tutti i cittadini italiani - disponibile su richiesta.
Ritiene importante ottenere la possibilità di disconnessione per chi deve farlo per motivi di salute e sopravvivenza, e anche per chi vuole farlo a scopo di prevenzione, in quanto non è eticamente accettabile che l’esposizione a qualcosa in grado di causare danno venga imposta indistintamente a tutti.
La diffusione della tecnologia wireless - quella che viene definita progresso tecnologico - difficilmente potrà essere fermata, e l’Associazione vuole almeno garantire la sopravvivenza di chi soffre di una forma di ipersensibilità in conseguenza di un danno ambientale del quale è stato vittima.
Ma resta un enorme dubbio: è davvero progresso tecnologico quello che fa ammalare le persone?

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (3 inviato)

avatar
Valentina 27/01/2020
Finalmente un ottimo articolo ben dettagliato che fornisce informazioni adeguate su queste tremende malattie. Peccato non si porti l'argomento in TV, purtroppo grossi conflitti di interessi bloccano la divulgazione di queste importanti informazioni, credo che in futuro proseguendo con questo atteggiamento graveranno grossi costi sul sistema sanitario nazionale perché già oggi troppi malati sono tenuti a tacere dalle Lobby.
Thumbs Up Thumbs Down
0
avatar
Gianni 20/01/2020
Finalmente qualcuno che tratta in modo corretto un problema così grave eppure così trascurato.
Queste forme di ipersensibilità, oltre a mettere a rischio la sopravvivenza, devastano l'esistenza.
Ci sono tantissimi malati che stanno soffrendo in modo orrendo, privi di tutele, prigionieri di malattie per le quali non ricevono alcuna forma di aiuto.
Se ne dovrebbe parlare di più!
Thumbs Up Thumbs Down
1
avatar
Veronica 20/01/2020
Io sn malata grave d mcs da anni , sn in procedura d'urgenza per le terapie in Spagna con trasporto eliambulanza/aereo d Stato bonificato per tutta la durata delle terapie, arrivo a collassi e potrei morire se trasportata in altro modo, una causa iniziata a fine settembre e a fine gennaio il giudice dovrebbe poter emettere una sentenza, se positiva si procedera' con la richiesta di risarcimenti danni morali e dinamico relazionali minimo d un milione d euro(e' nulla in confronto ad anni di vita persi con il rischio d morire) se non dovesse essere accolto il tutto si procedera' interpellando la Corte Europea dei Diritti Umani.. l'invalidita' una volta avuto soldi necessari anche per fare ulteriori analisi e potendo accedere a strutture ospedaliere poi si potra' procedere ma dovrebbe essere riconosciuta a livello Nazionale altrimenti mancano le tabelle per il valore,le percentuali.
Questo Stato deve riconoscerla altrimenti quando un domani magari non esistera' piu' lo Stato Italiano ma solo gli Stati Uniti d'Europa(governata da banchieri dove al primo posto c'e' l'interesse dei mercati e dei privati) non sara' piu' un problema il riconoscimento essendo riconosciuta in tutto il mondo e tutti gli Stati Europei tranne Italia..l'unico problema sara' che non si potra' piu' accedere gratuitamente come oggi alle terapie(come qualunque altra terapia per qualunque altra malattia) per cui chi ha bisogno si muova ora per vie legali facendo rispettare i propri Diritti.

Complimenti per l'articolo, buona serata.
Thumbs Up Thumbs Down
3
totale: 3 | visualizzati: 1 - 3

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni