Home | Interno | Cronaca | Note storiche sul Centro Glaciologico oggetto dei vandalismi

Note storiche sul Centro Glaciologico oggetto dei vandalismi

Per chi non conoscesse l'antica storia dell'edificio Julius Payer oggetto dei recenti tentativi di scasso, una breve traccia storica

Ne abbiamo parlato l’altro giorno in un articolo raggiungibile a questo link. Ora pubblichiamo una nota della SAT sulla storia del Centro.
Nei primi anni '90, gli operatori volontari del neocostituito Comitato Glaciologico Trentino SAT, con numerosissime ore di lavoro, recuperarono e ristrutturarono quello che stato uno dei primi rifugi del Trentino: la «Capanna Mandrone», costruita dalla «Sektion Leipzig» del DOeAV nel 1878.
Di fronte al Centro sorgono i ruderi della «Leipziger Htte», anch'essa costruita dalla «Sektion Leipzig» nel 1896 dal momento che il precedente rifugio risultava ormai insufficiente.
Questo rifugio venne distrutto da una granata italiana nel corso della grande guerra.
 
Grazie alla collaborazione fra SAT e l'allora Museo Tridentino di Scienze Naturali, nasceva così nel 1994 il Centro Studi Adamello «Julius Payer», all'interno del quale stata allestita una mostra permanente sui ghiacciai e sull'ambiente dell'alta montagna.
Il Centro dedicato alla memoria di Julius Payer, ufficiale e cartografo austriaco di origine boema, primo salitore dell'Adamello, che contribui alla conoscenza e all'esplorazione delle montagne del Trentino e in particolare del Gruppo Adamello-Presanella.
Fin da subito le finalità principali del Centro sono state quelle di far conoscere i ghiacciai e gli ambienti di alta montagna, promuovendo studi e ricerche nelle diverse discipline e divulgando i risultati ottenuti.
Il Centro offre inoltre una base logistica per corsi e appuntamenti di formazione e approfondimento per escursionisti, soci delle sezioni SAT e CAI, ma anche per studenti e scolaresche.
 
Nell'estate del 2004, a dieci anni dalla prima inaugurazione, il Centro stato completamente rinnovato nel suo allestimento interno, rivedendo e aggiornando in chiave moderna e divulgativa le tematiche scientifiche proposte al pubblico.
La lettura della mostra piacevole e «interattiva», grazie a plastici e «finestrelle» che si aprono e lasciano scorgere ricostruzioni tridimensionali di ghiacciai e ambienti alpini, mentre possibile toccare con mano molti altri aspetti e temi scientifici esposti nel Centro.
Un'attenzione particolare rivolta ai pi giovani visitatori del Centro e a guidarli nella loro scoperta del mondo dei ghiacciai «Giazz», un simpatico fiocco di neve che, muovendosi sul ghiacciaio fra mille peripezie e avventure, racconta la sua storia e quella dei suoi amici.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone