Home | Rubriche | Amici a quattro zampe | I nostri amici a quattro zampe – Di Fabrizio Tucciarone

I nostri amici a quattro zampe – Di Fabrizio Tucciarone

Il Lagotto romagnolo è un cane poco esigente, docile, affettuoso, molto attaccato al padrone e facile da addestrare. Può essere anche un ottimo cane da guardia

image

>
Oggi parliamo di una razza canina tutta italiana: il Lagotto romagnolo, che appartiene al gruppo otto dei cani da riporto, da cerca e da acqua. In particolare, appartiene alla sezione 3 dei cani da riporto in acqua.
Il Lagotto romagnolo è un’antica razza di cani da riporto in acqua nelle pianure di Comacchio e zone paludose di Ravenna.
Nel corso dei secoli le vaste zone paludose furono risanate e divennero terreni arabili. Di conseguenza il Lagotto cambiò e da cane da acqua divenne un eccellente cane da tartufo nell’aperta campagna piatta e sulle colline della Romagna.
Nonostante questo cambiamento era arrivato quasi alla totale estinzione quando un gruppo di appassionati cominciò a selezionare i cani rimasti aderenti al tipo originario, riuscendo in pochi anni ma con molto lavoro e sacrifici a ricostruire la razza.
Il suo riconoscimento è molto recente, risale al 1992.
 

 
Il Lagotto romagnolo è un cane di taglia medio-piccola, di aspetto rustico, fortemente costruito e molto ben proporzionato, con pelo folto e ricciuto.
Gli occhi sono piuttosto grandi, rotondeggianti, di colore che va dall’ocra al marrone scuro a seconda del mantello, ma mai gialli o grigiastri.
Le orecchie sono grandi e portate pendenti o leggermente rialzate se il cane è in attenzione.
Il colore può essere bianco uniforme, bianco a macchie marroni, roano o marrone uniforme. L’altezza al garrese va dai 43 ai 48 cm nei maschi, dai 41 ai 46 centimetri nelle femmine.
 

 
Il Lagotto romagnolo è un cane con un’ottima attitudine al lavoro ma è poco esigente, docile, affettuoso, molto attaccato al padrone e facile da addestrare.
Può essere anche un ottimo cane da guardia.
Il Lagotto non è particolarmente adatto a persone sedentarie perché è un cane molto attivo e ha bisogno di sfogare questa sua energia.
Le patologie che più frequentemente possono colpire questa razza sono la displasia dell’anca, l’epilessia, alopecia stagionale e atrofia corticale, una progressiva degenerazione che porta a incoordinazione e per cui, purtroppo, non esiste cura.
 
Per qualsiasi informazione, non esitate a contattarci. Siamo qui per questo.

Fabrizio Tucciarone – Veterinario alla Trento Vet
(Puntate precedenti)


Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone