Home | Rubriche | Letteratura di genere | Storie di donne, letteratura di genere/ 252 – Di Luciana Grillo

Storie di donne, letteratura di genere/ 252 – Di Luciana Grillo

Saveria Capecchi, «La comunicazione di genere – Prospettive teoriche e buone pratiche» – L'autrice ripercorre le fasi dal pensiero femminista e postfemminista

image

Titolo: La comunicazione di genere.
            Prospettive teoriche e buone pratiche
 
Autrice: Saveria Capecchi
Editore: Carocci 2018
 
Pagine: 160, Brossura
Prezzo di copertina: € 16
 
L’autrice, nell’affrontare la tematica complessa e drammaticamente attuale del genere, distingue il concetto di sesso da quello di genere e fa riferimento a due grandi intellettuali le cui teorie sulla condizione femminile sono utili e citate ancora oggi: Virginia Woolf e Simone de Beauvoir, che hanno evidenziato con chiarezza la discriminazione che la donna subisce sia nella sfera pubblica che in quella privata, quando è vista in una condizione di subalternità nei confronti del maschio.
Tanto docile e remissiva lei, quanto forte e virile lui.
Aggressivo, rude, competitivo il maschio, remissiva, passiva, insicura la femmina, più adatta alla cura, più portata alle discipline letterarie e artistiche, sempre bisognosa di protezione.
 
E questi sono solo alcuni degli stereotipi che circolano ai nostri giorni, che guidano scelte commerciali e pubblicitarie.
Per fortuna, contro la pubblicità lesiva della dignità femminile si po’ intervenire, segnalando gli spot all’Istituto di autodisciplina pubblicitaria.
Il femminismo ha combattuto varie battaglie nel secolo scorso, a partire addirittura dalla metà del XIX, per cui oggi possiamo parlare di un femminismo di seconda (o terza) ondata che si muove contro «la mascolinizzazione della donna emancipata, ovvero contro l’assimilazione femminile ai modelli di comportamento e di pensiero maschili», che considera «il lavoro domestico e di cura non retribuito delle donne… uno sfruttamento da parte dello Stato».
 
Se, dunque, il modello della parità ha caratterizzato la prima fase del femminismo, successivamente si è capito quanto fosse necessario valorizzare la cultura femminile.
Luce Irigaray nel 1987 ha parlato di una cultura a due «che riequilibri il potere tra uomini e donne, dando valore al genere femminile, dando voce alle donne».
E naturalmente emerge anche il problema delle differenze fra donne, diverse per istruzione, razza, religione, ecc.
 
Capecchi elenca i movimenti nati negli ultimi anni, da Non una di meno a One Billion Rising, da #MeeToo a Qellavoltache e sottolinea il passaggio da donne-oggetto a donne-soggetto «che scelgono liberamente di oggettivare il proprio corpo… al fine di avere successo in ogni ambito della vita: lavoro, sesso, figli, relazioni sociali», per arrivare a trattare il tema donna/politica citando come esempi alcune politiche che «rispetto a uno stile austero, rigido, maschile che mortifica la bellezza femminile… cercano di mostrarsi belle, eleganti, intelligenti e brave» e ricordando che, «diversamente da quanto avviene per gli uomini politici, i riflettori si accendono spesso sulla dimensione privata e in particolare viene maggiormente spettacolarizzato e giudicato il loro corpo, abbigliamento compreso».
 
Molto interessanti sono i riferimenti al mondo della pubblicità, dell’economia, dello spettacolo, dove compaiono personaggi femminili attuali e complessi «che mirano a veicolare principi e valori femministi», della storia e della filosofia, del lavoro al quale le donne sono costrette ad avvicinarsi a partire dalla prima guerra mondiale, ma sempre «in una condizione provvisoria di cittadinanza», cioè solo e sempre in sostituzione temporanea degli uomini impegnati in quel periodo al fronte.
Unico risultato tangibile fu la concessione del diritto di voto. Nel secondo dopoguerra, «con l’entrata nel mercato del lavoro ufficiale, le donne non hanno abbandonato il loro coinvolgimento nell’area della riproduzione, ma hanno svolto due lavori, quello familiare e quello extradomestico… doppio ruolo, un doppio lavoro di cui uno soltanto è pagato e riconosciuto socialmente.»
 
Capecchi va avanti, arriva al concetto di pari opportunità fra uomo e donna sottolineato sia dal trattato di Maastricht nel 1993 che dalle Conferenze mondiali delle donne (Città del Messico 1975, Nairobi 1985, Pechino 1995…), sia dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea (2000) che dalla Carta delle Donne del 2010 e fornisce un elenco delle regioni italiane attente alla comunicazione istituzionale in ottica di genere.
E non poteva mancare, in un testo così rigoroso e completo, un settore dedicato alla violenza di genere di cui, come ci insegna quotidianamente la cronaca, non si parla mai abbastanza.
 
Luciana Grillo – l.grillo@ladigetto.it
(Recensioni precedenti)

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone