Home | Sport | Ciclismo | Note le tappe venete al Giro d’Italia 2020

Note le tappe venete al Giro d’Italia 2020

La Regione Veneto ospiterà l’arrivo di Monselice, la cronometro del vino da Conegliano a Valdobbiadene e la Bassano del Grappa-Madonna di Campiglio

Sono state presentate oggi a CosmoBike Show a Verona Fiere le tappe del prossimo Giro d’Italia che interesseranno la Regione Veneto.
La Corsa Rosa, organizzata da RCS Sport / La Gazzetta dello Sport, andrà in scena dal 9 al 31 maggio.
La prima tappa veneta, in ordine cronologico, interesserà la provincia di Padova con l’arrivo a Monselice venerdì 22 maggio.
Il giorno successivo impegnativa frazione a cronometro, interamente nella provincia di Treviso, da Conegliano a Valdobbiadene.
È la Prosecco Superiore Wine Stage.
Mercoledì 27 maggio sarà Bassano del Grappa, in provincia di Vicenza, ad essere sede di partenza di una delle tappe di montagna del Giro, quella che terminerà a Madonna di Campiglio.
 
 Le tappe 
Cervia – Monselice

Tappa di pianura con finale col botto. Dopo quasi 160 km costantemente in pianura per raggiungere la cittadina euganea si affrontano due impegnative salite dei Colli Euganei: il Roccolo (un classico del Giro del Veneto) 4 km con inizio e fine durissimi (tra il 18 e il 20%) e quindi il Muro di Calaone con 2 km che in diversi punti toccano il 18%.
Segue un'ampia discesa su Este e breve tratto pianeggiante fino all'arrivo.
 
Conegliano - Valdobbiadene
 
Cronometro interamente nel territorio del Prosecco Superiore ora Patrimonio dell'Umanità.
Èinteramente caratterizzata da salite e discese a volte anche impegnative (Muro di Ca' del Poggio pendenze fino al 19%).
Un esercizio contro il tempo che costringerà a valutare bene la gestione delle energie.
 
Bassano del Grappa - Madonna di Campiglio
 
Tappa di montagna dove si affrontano oltre 5000 m di dislivello concentrati in poche salite raccordate da ondulazioni senza veri tratti di respiro. In Veneto, dopo la partenza, si scala l'inedita Forcella Valbona (oltre 20 km di ascesa dalla pianura fino a quasi 1.800 metri), il Monte Bondone dal versante inedito di Aldeno (seconda parte oltre il 10%), il passo Durone e la salita finale di Madonna di Campiglio.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni