Home | Interno | Partiti con la portaerei Cavour gli alpini del Genio di Trento

Partiti con la portaerei Cavour gli alpini del Genio di Trento

Il Battaglione «Iseo» porterà soccorso alla popolazione Haitiana. Tutti i soldati hanno dato la loro piena disponibilità per partire

image

Il Colonnello Pierluigi Scaratti, comandante del 2° Reggimento genio guastatori con sede alla caserma Cesare Battisti in Trento, ha ricevuto Soltanto il pomeriggio di sabato 16 l'ordine di preparare i suoi uomini allo scopo di portare soccorsi alla popolazione di Haiti.

In meno di 40 ore è stato costituito un contingente, la Task Force «Iseo», formata da un battaglione comandato dal Tenente Colonnello Ovidio Esposito (nella foto).

Il personale è rientrato prontamente in sede e tutti i soldati hanno dato la loro piena disponibilità per partire.
Sono stati caricati i materiali e i bagagli e sono stati approntati tutti i mezzi idonei all'esigenza.
Lo staff del reggimento e gli uomini del battaglione hanno lavorato incessantemente, ma è così che hanno dimostrato professionalità, spirito di abnegazione e la generosità degli alpini della Julia.

La scarsità di tempo sembrava rendesse impossibile la messa a punto dell'Unità, ma la Task Force ha raggiunto La Spezia perfettamente puntuale ed è stata subito imbarcata.
Poco prima della partenza, il colonnello comandante Scaratti ha augurato loro l'in bocca al lupo!, certo del successo della missione.

Il contingente è stato salutato anche dal Comandante delle Truppe Alpine, il Generale di Divisione Alberto Primicerj di stanza a Bolzano e dal Ministro della Difesa Ignazio La Russa, il quale si è complimentato per l'impegno dimostrato e ha salutato calorosamente con una stretta di mano tutti i militari della Task Force Iseo.

Complessivamente il 2° Reggimento genio guastatori ha fornito il contributo di 135 uomini di vario rango e specializzazione, ai quali si sono aggiunti altri 50 soldati tra trasmettitori del 2° Reggimento trasmissioni di Bolzano, artiglieri del 3° Reggimento artiglieria di Tolmezzo e alpini del 7° Reggimento di Belluno.

I mezzi impiegati sono circa 65, ai quali si aggiungono ulteriori 14 macchine movimento terra di diversa tipologia, ruotate e cingolate, escavatori, terne, caricatori e apripista. Inoltre gruppi elettrogeni, torri di illuminazione e un assetto per la potabilizzazione dell'acqua di grande capacità con il quale potranno alleviare il problema della scarsità di acqua potabile per la popolazione.



A grandi linee il compito che li attenderà sarà quello di sgomberare le vie di comunicazione dalle macerie per consentire una migliore e immediata distribuzione degli aiuti umanitari.

La partenza dei soldati ha riportato vivo il ricordo dei vecchi del reggimento, i quali in passato hanno partecipato a operazioni in aiuto alle popolazioni colpite da calamità naturali sul territorio nazionale, come nel sisma del Friuli (1976), quello dell'Irpinia (1980), nel crollo della diga di Stava (1985) e nel sisma in Abruzzo (2009), ritornando quindi in prima linea per portare aiuto alle popolazioni sofferenti, fieri di essere genieri del 2°, alpini della Julia e soprattutto di far parte del Comando Truppe Alpine.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni